Bollo scaduto cosa succede?

Bollo scaduto cosa succede? Vediamo insieme le casistiche. Il caso del bollo auto scaduto e non pagato interessa purtroppo un numero significativo di automobilisti, più di quanto si possa immaginare. Le motivazioni possono essere le più disparate: dimenticanza, difficoltà economiche, errori nella notifica della scadenza.

In molte occasioni, inoltre, l'Agenzia delle Entrate commette propri errori, ad esempio nel calcolo delle more e delle sanzioni, nella gestione dei pagamenti ridotti, nell'indicazione dei termini di prescrizione.

Quando ci si trova in questa situazione, normalmente si è investiti da una valanga di cartelle, avvisi bonari e solleciti che creano ansia e smarrimento. Spesso il contribuente si trova da solo a dover far fronte a una pratica dai molteplici risvolti.

È qui che diventa fondamentale l'intervento di esperti del settore come Infortunistica Veneta. L'Agenzia sa muoversi con cognizione tra le pieghe della normativa e conosce le "falle" del sistema. Grazie alla sua expertise è in grado di analizzare nel merito i singoli casi, verificare la presenza di irregolarità ed esperire tutte le azioni utili per ottenere uno sgravio, una rateizzazione o la cancellazione di sanzioni e more.

Affidandosi ai professionisti, il contribuente ha certezza di ricevere la tutela e il supporto più adeguati alla propria situazione.

Bollo scaduto cosa succede?

Il mancato pagamento del bollo auto nei termini di legge comporta l'applicazione di sanzioni amministrative da parte dell'Agenzia delle Entrate. In particolare, oltre alla somma dovuta per l'imposta di bollo e gli interessi di mora, sono notificate una mora (pari all'1% per ciascun giorno di ritardo fino ad un massimo del 30% dell'importo bollo) ed una sanzione (30% dell'importo del bollo) per irregolarità.

Successivamente, se permane il mancato pagamento, si procede alla notifica di un'ulteriore cartella di pagamento dal valore sempre crescente, in aggiunta all'iscrizione a ruolo per il recupero coattivo del debito.

Chi si trova in questa situazione può rivolgersi ad Infortunistica Veneta per valutare ogni opzione per sanare la propria posizione in relazione a questa e a molteplici altre casistiche come, ad esempio, la contestazione della multa patente dimenticata presentando apposita istanza di annullamento. Gli esperti dell'agenzia possono anche predisporre eventuali ricorsi avverso i provvedimenti sanzionatori, al fine di ottenere una riduzione o cancellazione degli importi dovuti.

Multa bollo non pagato: cosa prevede la legge

Il mancato pagamento del bollo auto nei termini di legge costituisce una vera e propria evasione di imposta punita con apposite sanzioni. La normativa di riferimento è stabilita dal D. Lgs. 446/1997 che prevede:

  1. Articolo 3 comma 1: in caso di omesso versamento delle tasse automobilistiche, si applica una sanzione amministrativa pecuniaria pari al 30% dell'importo dovuto.
  2. Articolo 3 comma 2: è prevista inoltre l'applicazione di una mora giornaliera pari all'1% dell'importo dovuto per ogni giorno di ritardo, fino ad un massimo del 30% dell'importo medesimo.
  3. Articolo 6: la gestione delle entrate relative alle tasse automobilistiche è demandata all'Agenzia delle Entrate, che provvede all'accertamento, all'iscrizione a ruolo e alla riscossione dei relativi debiti.

In caso di persistente inadempienza, l'Amministrazione Finanziaria iscrive il debito in ruolo per l'avvio dell'attività di riscossione forzosa, includendo anche le spese di procedure. Quando si fa riferimento all'"iscrizione in ruolo" si intende un provvedimento dell'Agenzia delle Entrate attraverso il quale il debito derivante dal mancato pagamento del bollo auto è formalmente registrato in appositi registri di riscossione. Ciò avviene dopo che il contribuente è stato messo più volte in mora con avvisi e solleciti di pagamento rimasti inevasi.

A seguito dell'iscrizione in ruolo, il debito è inserito nella “terza fase della riscossione”, quella c.d. “forzosa”. Significa che il contribuente è affidato agli Agenti della Riscossione (ex Equitalia) che possono avviare procedure esecutive come il fermo amministrativo del veicolo, il pignoramento del quinto dello stipendio o il prelievo coattivo sul conto corrente.

Per far fronte a possibili errori, piuttosto comuni sia per questa che altre casistiche, come ad esempio nel caso di multa mancata revisione, Infortunistica Veneta suggerisce di regolarizzare prontamente la propria posizione avvalendosi, se necessario, anche del supporto dei legali dell'agenzia ai fini della presentazione di ricorsi per annullamento in autotutela.

Richiesta annullamento sanzione bollo: procedure di annullamento delle sanzioni per bollo auto non pagato

In presenza di un avviso di accertamento per omessa dichiarazione e versamento del bollo auto, è possibile avviare presso l'Agenzia delle Entrate la procedura di annullamento in autotutela delle sanzioni irrogate. I legali di Infortunistica Veneta assistono il contribuente nella predisposizione del ricorso gerarchico, documentando le ragioni dell'eventuale erronea applicazione delle sanzioni ovvero dei motivi di legittimo affidamento.

La richiesta, completa della documentazione a corredo comprovante l'avvenuto pagamento del bollo o l'insussistenza dei presupposti sanzionatori, deve essere inoltrata in via prioritaria tramite raccomandata con avviso di ricevimento. Decorsi 60 giorni dalla presentazione senza ricevere riscontro, si considera l'istanza respinta tacitamente ed è possibile proporre eventuale ricorso giurisdizionale. Nelle more della definizione del contenzioso, Infortunistica Veneta consiglia il versamento a titolo di autotutela per scongiurare l'avvio di procedure coattive.

 

L'Agenzia opera a tutela degli interessi del contribuente per gli esiti più favorevoli della vertenza.

Infortunistica Veneta: gestione degli infortuni

Infortunistica Veneta tutela i vostri interessi, perché possiate ottenere il giusto risarcimento da infortuni o sinistri di qualunque tipologia.

Affidarsi a professionisti dell’infortunistica come il nostro staff significa beneficiare di una consulenza e di un’assistenza professionale atta ad alleggerire una situazione per voi già pesante. Tutta la parte burocratica relativa alla gestione del risarcimento da infortuni - periti, raccomandate, adempimenti di legge ecc. - diventeranno il nostro compito quotidiano, facendo valere i vostri diritti nelle sedi opportune nel minor tempo possibile e puntando ad una soluzione realmente equa.

Infortunistica Veneta: gestione degli infortuni

Infortunistica Veneta tutela i vostri interessi, perché possiate ottenere il giusto risarcimento da infortuni o sinistri di qualunque tipologia.

Affidarsi a professionisti dell’infortunistica come il nostro staff significa beneficiare di una consulenza e di un’assistenza professionale atta ad alleggerire una situazione per voi già pesante. Tutta la parte burocratica relativa alla gestione del risarcimento da infortuni - periti, raccomandate, adempimenti di legge ecc. - diventeranno il nostro compito quotidiano, facendo valere i vostri diritti nelle sedi opportune nel minor tempo possibile e puntando ad una soluzione realmente equa.

News e notizie recenti Infortunistica Veneta

Sinistro da turbativa: come ottenere il risarcimento in caso di incidente senza urto
La tipologia di incidente stradale nota come "sinistro da turbativa", caratterizzata dall'assenza di un contatto materiale tra i veicoli ma comunqu...
Danno da perdita parentale: la ricerca di criteri oggettivi per la quantificazione del risarcimento del danno affettivo
Il danno da perdita parentale, conseguente al decesso di un congiunto, è considerata una delle casistiche risarcimenti maggiormente complesse da un...
Bollo scaduto cosa succede?
Bollo scaduto cosa succede? Vediamo insieme le casistiche. Il caso del bollo auto scaduto e non pagato interessa purtroppo un numero significativo ...
Ambulanza investe in retromarcia - come ottenere il risarcimento
Purtroppo, la situazione in cui un'ambulanza investe in retromarcia è molto più comune di quanto si possa pensare. È un argomento importante, perch...
Infortunio su mezzo pubblico: come comportarsi, obblighi del gestore e iter assicurativo
Un infortunio su mezzo pubblico oggi è un evento molto più comune di quanto non si possa pensare. I recenti dati statistici diffusi dall'Istat e da...
Multa patente dimenticata: servizi di infortunistica stradale per verbale senza patente
È indiscutibile che la multa patente dimenticata sia una delle sanzioni amministrative più ricorrenti nel nostro Paese. Secondo i dati Istat, ogni ...

Case History Infortunistica Veneta

Danno da vernici
Si rivolgono al nostro studio alcuni lavoratori che hanno avuto l’automobile danneggiata. Ci troviamo nell’area portuale di Ravenna, mentre una dit...
Danno mortale – auto che esce di strada causa velocità e finisce contro un albero posizionato al lato della strada
Posto che questa tragica vicenda coinvolge anche dei minori, per rispetto di tutti gli eredi ometteremo volutamente dettagli che possano in qualche...
Lo strano caso di un giornalista
Nel gennaio 2013 una nostra collaboratrice ci segnalava che il conduttore di una televisione locale, durante il programma - seduto su un divano - a...
Incidenti al supermercato
Sugli incidenti al supermercato Infortunistica Veneta ha una casistica davvero invidiabile.
Vittime della strada per colpa di un Guard-rail fuori norma
L’urto contro guard-rail non a norma costituisce una tipologia d’incidente particolarmente pericolosa. Un guard-rail non a norma non è in grado di ...
Risarcimento danni per perforazione da colonscopia
I fatti: perforazione da colonscopiaIl Signor C., nostro assistito, viene sottoposto a colonscopia per dolore addominale persistente, l'esame viene...

Cosa dicono di noi e di come lavoriamo.

Pietro

Quando divenni cliente di Infortunistica Veneta ero sul letto di un ospedale: a seguito di un terribile incidente stradale la mia vita era appesa a un filo. A seguito di un forte trauma a una vertebra cervicale e una lesione spinale la mia aspettativa di tornare a camminare era bassissima.

Giuseppe

Mi chiamo Giuseppe, ho 53 anni e mia madre è morta per un’infezione ospedaliera. Nel 2013 aveva 85 anni: un giorno cadde in casa, si ruppe un femore, fu ricoverata in un ospedale della provincia di Bologna e subì quello che può essere considerato un intervento di routine.

Paola

Il vero risarcimento per la morte di mio fratello è stata l’umanita! Un incidente stradale mi ha strappato mio fratello. Sono stati giorni, mesi e anni terribili e oggi, ancora, non riesco a parlarne senza soffrire profondamente per l’ingiustizia terribile per quello che successe.

Pietro

Mi chiamo Pietro Orlando, avevo 63 anni, e finalmente mi stavo godendo la pensione, quando un incidente stradale d’un tratto mi ha cambiato la vita. Una macchina che attraversava il paese nel senso opposto al mio, ha mancato una precedenza e svoltando mi ha colpito in pieno.

Ermanno

Mi chiamo Fogli Ermanno e sono un cliente riconoscente a Infortunistica Veneta. Avevo 32 anni, ero fermo a uno stop pronto a immettermi sulla Romea, quando come un fulmine che squarcia il cielo mi piombò addosso un camion che aveva perso il controllo.

Hai qualche domanda?

Compila l’apposito modulo e un nostro incaricato provvederà a ricontattarti nel minor tempo possibile

Hai qualche domanda?

Compila l’apposito modulo e un nostro incaricato provvederà a ricontattarti nel minor tempo possibile